• Stampa pagina
  • Area riservata
  • Versione alto contrasto
  • Versione standard

 

Lezioni sprecate

  pubblicata il 22/06/2016

Le magistrali lezioni che il Prof. Sgarbi ha tenuto in un recente passato nella nostra città, non solo sullo straordinario patrimonio artistico italiano ma sulla bellezza ed il buon gusto in generale, sono state seguite da tantissime persone ed anche da un nutrito gruppo di esponenti della nostra amministrazione civica, e, purtroppo, non hanno sortito effetti positivi né tantomeno influenzato le pubbliche scelte in materie di decoro urbano, armonia e bellezza architettonica. La nostra città è piena di esempi esteticamente tutt’altro che rivolti al bello, frutto di scelte scellerate affidate alla creazione e alle ideazioni di progettisti e artisti, o presunti tali, amici degli amici, senza il vaglio da parte di persone con adeguata educazione visiva, competenze e sensibilità riconosciute. Basta guardare alcuni mamozi di bronzo di una bruttezza avvilente che aspiravano ad abbellire alcune nostre piazze, qualche timida fontana o qualche panchina in pietra lavica massiccia, che ci rimanda all’architettura dell’ex blocco sovietico. Ultimo pugno allo stomaco è l’ascensore in costruzione affianco alla scala della villa comunale con annesso “tunnel per malintenzionati”, un traliccio di acciaio sconvolgente, senza nessuna valenza stilistica e tantomeno architettonica, una pernacchia in faccia ai cittadini, che saggiamente nessuno mai userà (...)

Angelo Di Ruocco

 

Il resto dell'articolo è disponibile sul numero 230 de "La tófa", in edicola dal 18 giugno 2016

 

 

Menu principale


Tu che ta facive ncoppa a lava




Sponsor - Partner

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor