• Stampa pagina
  • Area riservata
  • Versione alto contrasto
  • Versione standard

 

A lenga turrese

  pubblicata il 26/10/2016

Spruloquianno

Mo te ceco n'uocchio   

Nicola tene sotto all’occhie il mondo intero e quando ha miso ll’uocchie ncuollo a ccoccheruno, se mette cumme a na cecalacerta, na cecavoccola e ne sparla e vvòmmeca pure ll’uocchie e così a noi non resta che dirgli: all’uocchie tuoie!  A completare a quatriglia per il tressette arriva cu ll’uocchi abbufanuti Vicienzo ca tene rui occhi ’i voio spurgenti e, per giunta, n’uocchio fauzo e n’ato papalino ed io mi fido poco. Pe gghionta ’i ruotolo è pure occhiosicco e ogni volta che parla, o te ratti o è na disgrazia.  Mo tene n’uocchio giallo p’a nzuarchìa che ha pigliato e n’uocchio niro pe nu punio r’a mugliera. Quanno s’incazza fa ll’uocchio ’i pazzo ed è meglio togliersi di torno e llevá i pprete ’a nanze û cecato. A stá cu cierta ggente; ah! ll’uocchie ’i páteme! Ce verimmo n’ata vota.  

 

Salvatore Argenziano

 

Menu principale


Tu che ta facive ncoppa a lava




Sponsor - Partner

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor